Opportunità per i titoli di Stato in un contesto di riduzione dei tassi

In breve

Con l'inflazione in decelerazione e i mercati che prezzano i tagli dei tassi per il 2024, il contesto è maturo per far prosperare i titoli di Stato europei, spiega Mauro Valle, Head of Fixed Income di Generali Asset Management.
"Prevediamo che la Fed possa iniziare a tagliare i tassi a maggio, e dove la Fed conduce, altre Banche centrali la seguiranno".
Picture
Picture

Mauro VALLE, CFA

Head of Fixed Income and Fund Manager della gamma GIS Euro Bond

- Oltre 25 anni di esperienza

- Valutazione AAA da Citywire2

Picture

Con l'inflazione in generale in calo e i mercati che prezzano i tagli dei tassi per il 2024, il contesto è maturo per far prosperare i titoli di Stato europei, spiega Mauro Valle, Head of Fixed Income di Generali Asset Management.

Il rallentamento dell'inflazione indica un taglio dei tassi

La tendenza al ribasso dell'inflazione è abbastanza chiara, come mostra il Grafico 1 e rappresenta il principale impulso per la Fed e la BCE a iniziare a ridurre i tassi di interesse. Tuttavia, la strada verso una riduzione dell'inflazione potrebbe non essere così lineare come i mercati sperano.

Il mercato sta valutando pienamente un primo taglio dei tassi da parte della Fed a giugno, dopo i recenti dati CPI statunitensi più forti del previsto, aumentando i rischi di una strada accidentata per i futuri cali dell'inflazione. Nel frattempo, anche il sentiment di mercato propende per un primo taglio dei tassi da parte della BCE a giugno, dopo l'ultima riunione dovish, con quattro tagli previsti entro ottobre.

Sia Jerome Powell che Christine Lagarde hanno cercato di mitigare le aspettative, ribadendo con forza che i tagli dipendono da ulteriori dati a conferma delle tendenza dell'inflazione e della crescita. Entrambi hanno respinto la probabilità di un taglio anticipato dei tassi.

A nostro avviso, la Fed potrebbe iniziare a tagliare i tassi a maggio e che, qualora fosse la Fed a condurre, le altre banche centrali la seguirebbero. La BCE potrebbe essere pronta ad aprile se i dati sull'inflazione dovessero continuare a diminuire, ma potrebbe scegliere di prendere tempo per attendere un consolidamento delle tendenze.

La tendenza al ribasso dell'inflazione è sostenuta dalla debole crescita dell'area dell'euro

Riteniamo infatti che la tendenza al ribasso dell'inflazione non sia a rischio e che continuerà a decelerare. Nonostante alcuni segnali di miglioramento delle prospettive di crescita economica, permangono disparità tra le diverse economie dell'UE. L' economia dell' Eurozona rimane complessivamente stagnante, con una crescita zero registrata nell'ultimo trimestre del 2023 dopo una contrazione dello 0,1% nel terzo trimestre. Questo sta a significare che una recessione tecnica è stata evitata per poco.

La Germania, la più grande economia del blocco, continua con una persistente debolezza, dopo una contrazione dello 0,3% nel quarto trimestre. A nostro avviso, riteniamo quindi che le previsioni macro della BCE siano leggermente ottimistiche, prevedendo un' inflazione un po' troppo alta vista la debolezza dell'UE. Ciò potrebbe fornire ulteriore sostegno a una politica accomodante da parte della BCE nei prossimi mesi. L' entità dei tagli dei tassi rimane incerta e la variabile chiave da monitorare è l'economia tedesca, ovvero se inizierà a riprendersi o se sarà necessario abbassare i tassi per rilanciare la crescita.

Per quanto riguarda gli altri membri delle "quattro grandi" economie dell' Euro: la Francia ha registrato una crescita zero nel quarto trimestre, mentre Italia e Spagna sono andate meglio. L'Italia, per la quale si prevedeva una stagnazione, ha registrato una crescita dello 0,2% nel 4° trimestre, mentre la Spagna ha registrato un' espansione dello 0,6%, tre volte superiore alle previsioni dello 0,2%.

Messaggi Chiave

Picture

Anche se la strada verso una riduzione dell'inflazione sarà più accidentata di quanto sperato dai mercati, riteniamo che la tendenza al ribasso non sia a rischio e che l'inflazione continuerà a decelerare.

Picture

Le prossime settimane potrebbero presentare opportunità tattiche per le obbligazioni in euro se i rendimenti dovessero rimbalzare, mentre le aspettative di un irripidimento della curva dei rendimenti offrono opportunità per le obbligazioni a scadenza medio-breve.

Picture

I titoli di stato Italia, Spagna e Grecia stanno beneficiando del restringimento degli spread rispetto ai Bund e della forte domanda degli investitori.

Opportunità di un inasprimento della curva dei rendimenti europea

I rendimenti dei Bund a 10 anni sono recentemente passati dall' 1,90% di dicembre 2023 al 2,35% circa di inizio febbraio 2024, mentre il Bund a 2 anni è rimbalzato al 2,75% dopo aver toccato il 2,35%. In questo contesto vediamo due opportunità fondamentali: in primo luogo, manteniamo una duration neutrale nei portafogli obbligazionari in euro per le prossime settimane; qualora i rendimenti dovessero registrare un ulteriore rimbalzo, si potrà valutare tatticamente di aggiungere duration. In secondo luogo, l'attuale inversione della curva dei rendimenti dell' Eurozona riflette le aspettative del mercato sui futuri tagli dei tassi. Quando la BCE segnalerà la sua intenzione di allentare la politica, la curva dei rendimenti dovrebbe riprendersi, con un ampliamento dello spread 2-10 anni dell' Eurozona e una probabile sovraperformance delle obbligazioni medio-breve termine.

Rimanere tattici

Per quanto riguarda i portafogli obbligazionari in euro, abbiamo chiuso il 2023 con un posizionamento difensivo, ma nelle ultime settimane lo abbiamo corretto per renderlo tatticamente neutrale, in attesa di ulteriori segnali economici e delle banche centrali. I portafogli sono posizionati in modo neutrale sulle scadenze a breve termine e leggermente più lunghi in aggregato rispetto al benchmark, difensivamente corti sulla scadenza a 30 anni e lunghi sull'esposizione alle obbligazioni periferiche, in particolare ai BTP italiani.

Le obbligazioni periferiche sono fiorenti

Gli spread sul BTP-Bund a 10 anni si sono ridotti nelle ultime settimane, raggiungendo a fine gennaio circa 150 punti base, il minimo degli ultimi due anni. Ciò è avvenuto grazie a diversi fattori, tra cui la conferma dell' outlook neutrale dell'Italia da parte delle agenzie di rating, una crescita del PIL superiore alle attese e le aspettative che i futuri debiti fiscali saranno limitati dal Patto di Stabilità e Crescita dell'UE. Confermiamo quindi la nostra posizione positiva sui BTP italiani, che sovrappesiamo rispetto al benchmark. Il rischio principale è rappresentato dalle elevate emissioni nette attese nelle prossime settimane, ma data la forte domanda non riteniamo che questo impatti materialmente sugli spread per il momento.

Continuiamo a essere positivi sui titoli di Stato periferici di Spagna e Grecia, che hanno entrambi visto restringersi gli spread a 10 anni rispetto ai Bund. Le loro ultime emissioni obbligazionarie hanno registrato entrambe un'enorme domanda, in quanto l'appetito degli investitori per il carry e il rendimento continua.

In sintesi, date le prospettive favorevoli, riteniamo che gli investitori dovrebbero sfruttare gli attuali tassi d'interesse elevati per ottimizzare i rendimenti in vista dei tagli, aggiungendo al contempo duration per diversificare in caso di un contesto di risk-off o di aumento della volatilità.

"Quando la BCE segnalerà la sua intenzione di allentare la politica, la curva dei rendimenti dovrebbe riprendersi".

#4

Tagli dei tassi della BCE previsti entro ottobre 2024

c.150bps

Spread BTP-Bund a 10 anni

1Fonte: Bloomberg al 29 gennaio 2024. 2Il team di investimento è soggetto a modifiche. Fonte del premio Citywire. Il rating è stato elaborato a titolo puramente illustrativo ed è soggetto a modifiche. Per maggiori informazioni sul rating (metodologia, universo preso in considerazione) si rimanda al seguente link: https://citywire.com/americas/manager/mauro-valle/d5145.

***

Informazioni Importanti
Questa comunicazione di marketing è relativa a Generali Investments SICAV (GIS), una società di investimento di tipo aperto a capitale variabile (SICAV) di diritto lussemburghese del 17 dicembre 2010, qualificata come organismo di investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM) e ai suoi comparti: Euro Bond, Euro Bond 1-3 Years e Euro Short Term Bond, complessivamente denominati "I Comparti". La presente comunicazione di marketing è destinata esclusivamente agli investitori professionali in Italia, Francia, Austria, Germania, Spagna, Portogallo e Lussemburgo, dove i Comparti sono registrati per la distribuzione - non è destinata agli investitori al dettaglio, né ai soggetti statunitensi come definiti dalla Regulation S dello United States Securities Act del 1933, e successive modifiche.
Euro Bond - L'obiettivo è di sovraperformare l'indice J.P. Morgan EMU, il Benchmark, investendo in titoli di debito di qualità denominati in euro. Periodo di detenzione consigliato: 6 anni. Classe istituzionale illustrativa: ISIN LU0145476148 - Paesi di registrazione AT, CZ, FR, DE, IT, LU, NL, PT, SG, SK, ES, CH (registrato presso la FINMA), UK (sistema riconosciuto). Euro Bond 1-3 Years - L'obiettivo è superare la performance dell'indice J.P. Morgan EMU 1-3 Years, il Benchmark, attraverso titoli di debito di qualità denominati in euro. Periodo di detenzione consigliato: 2 anni. Classe istituzionale illustrativa: ISIN LU0396183112 - Paesi di registrazione AT, CZ, FR, DE, IT, LU, NL, PT, SK, ES, CH (registrato presso la FINMA), UK (sistema riconosciuto). Euro Short Term Bond - L'obiettivo è di sovraperformare l'indice €STR, il benchmark, investendo in titoli di debito di qualità a breve termine denominati in euro. Periodo di detenzione consigliato: 2 anni. Principali costi (elenco non esaustivo come da KID del 1° gennaio 2024): Classe istituzionale illustrativa: ISIN LU0145484910 - Paesi di registrazione AT, CZ, FR, DE, IT, LU, NL, PT, SK, ES, CH (registrato presso la FINMA), UK (sistema riconosciuto).
I prodotti sono gestiti attivamente in riferimento ai rispettivi benchmark. Il Gestore degli investimenti ha piena discrezionalità sulla composizione dei portafogli e pertanto può discostarsi dai Benchmark. Rischi intrinseci dei Comparti (elenco non esaustivo): Rischio di credito - Rischio di derivati: quando si utilizzano i derivati, l'uso della leva finanziaria può aumentare il rischio potenziale di perdita. - Rischio di finanza sostenibile: i prodotti possono investire in titoli con rating inferiore a investment grade, che presentano un rischio maggiore di perdita del capitale e degli interessi rispetto ai titoli di qualità superiore - Rischio di perdita del capitale: non si tratta di prodotti garantiti. Gli investitori possono rischiare di perdere una parte o la totalità dell'investimento iniziale. I rendimenti possono aumentare o diminuire a causa delle fluttuazioni valutarie.
La presente comunicazione di marketing non intende fornire consulenza in materia di investimenti, fiscale, contabile, professionale o legale e non costituisce un'offerta di acquisto o vendita dei Comparti o di altri titoli eventualmente presentati. Le opinioni o le previsioni fornite si riferiscono alla data specificata, possono cambiare senza preavviso, possono non verificarsi e non costituiscono una raccomandazione o un'offerta di investimento. I rendimenti passati o target non predicono i rendimenti futuri. Non vi è alcuna garanzia che le previsioni positive vengano realizzate in futuro. Il valore di un investimento e il relativo reddito possono diminuire o aumentare e il cliente potrebbe non recuperare l'intero importo originariamente investito. La performance futura è soggetta a tassazione, che dipende dalla situazione personale di ciascun investitore e che potrebbe cambiare in futuro. Vi invitiamo a contattare il vostro consulente fiscale nel vostro paese per capire come i vostri rendimenti saranno influenzati dalle tasse. L'esistenza di una registrazione o di un'approvazione non implica che l'autorità di regolamentazione abbia stabilito che questi prodotti sono adatti agli investitori. Si raccomanda di considerare attentamente le condizioni di investimento e di ottenere una consulenza professionale, legale, finanziaria e fiscale, ove necessario, prima di decidere di investire in un Fondo.
Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento, vi invitiamo a considerare tutte le caratteristiche, gli obiettivi, i rischi e i costi contenuti nei Documenti contenenti le informazioni chiave (KID) disponibili in una delle lingue ufficiali del vostro paese, nel Prospetto informativo disponibile in inglese (non in francese) e nella relativa Appendice SFDR da richiedere gratuitamente alla Società di gestione, Generali Investments Luxembourg S.A., 4 Rue Jean Monnet, L-2180 Lussemburgo, Granducato di Lussemburgo, indirizzo e-mail: GILfundInfo@generali-invest.com o all'indirizzo www.generali-investments.lu, dove si trova anche una sintesi dei diritti dell'investitore (in inglese o in una lingua autorizzata) nella sezione "About us/Generali Investments Luxembourg". La Società di gestione può decidere di porre fine agli accordi stipulati per la commercializzazione del Fondo nel vostro paese. Il presente documento è emesso da Generali Investments Luxembourg S.A. Generali Investments Luxembourg S.A. è autorizzata come Società di gestione di OICVM e Gestore di fondi di investimento alternativi (GEFIA) in Lussemburgo, regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF) - codice CSSF: S00000988, LEI: 222100FSOH054LBKJL62, ,e Generali Asset Management S.p.A. Società di gestione del risparmio autorizzata come società di gestione del risparmio italiana, regolamentata dalla Banca d'Italia e nominata promotore di marketing e distributore globale dei Comparti nei paesi UE/SEE in cui i Comparti sono registrati per la distribuzione - (Via Niccolò Machiavelli 4, Trieste, 34132, Italia - C.M. n°: 15376 - LEI: 549300LKCLUOHU2BK025). Entità responsabile della distribuzione in Portogallo: Banco Best è un istituto di credito registrato presso il Banco de Portugal e la CMVM (Commissione portoghese per il mercato dei valori mobiliari - CMVM con il n. 20161271), autorizzato a svolgere attività bancaria per fornire il servizio di investimento di cui alla lettera a) dell'articolo 290, n. 1, del Codice dei valori mobiliari.
Generali Investments è un marchio di Generali Asset Management S.p.A. Società di gestione del risparmio, Generali Investments Luxembourg S.A. e Generali Investments Holding S.p.A. - Fonti (se non diversamente specificato): Generali Asset Management S.p.A. Società di gestione del risparmio - Questo documento non può essere riprodotto (in tutto o in parte), diffuso, modificato o utilizzato senza previa autorizzazione scritta.
Picture

© Generali Investments, tutti i diritti riservati. Questo sito web è fornito da Generali Investments ed è considerato come una comunicazione di marketing e una promozione finanziaria riferita ai prodotti e servizi delle società elencate di seguito, appartenenti al Gruppo Generali: Generali Asset Management S.p.A. Società di gestione del risparmio & Generali Investments Luxembourg S.A. (nel prosieguo, congiuntamente indicate come Generali Investments). Inoltre, il sito può contenere comunicazioni di marketing e promozioni finanziarie di prodotti e servizi di società appartenenti alla piattaforma coordinata da Generali Asset Management S.p.A. Società di gestione del risparmio, nello specifico di Infranity, Sycomore Asset Management, Aperture Investors LLC., Plenisfer Investments SGR, Lumyna Investments, Sosteneo Infrastructure Partners SGR e Generali Real Estate S.p.A. Società di Gestione del Risparmio