Trasformare la crisi energetica in acceleratore di cambiamento con Sycomore AM

In breve

Se si desidera raggiungere la traiettoria di 2 gradi indicata dall'Accordo di Parigi, bisogna agire immediatamente e investire nella transizione energetica, un tema che sta guadagnano sempre più spazio nelle agende di aziende, istituzioni e investitori. Scopriamo come, insieme agli esperti di Sycomore AM.
Active EquitySRIImpact Investing

Comunicazione di marketing | Riservata ad investitori professionali in Italia

Picture


Parte di Generali Investments

Picture

Jean-Guillaume Péladan

Head of Environmental Investments &
Research & Portfolio Manager
Picture

Anne-Claire Abadie

Portofolio Manager, Environment Specialist
Picture

Alban Préaubert

Portfolio Manager

Per saperne di più guarda il video

Intervista a Francesca Mozzati e Luca Fasan di Sycomore AM

Sycomore Europe Eco Solutions

Classificazione SFDR

Articolo 9

AUM

€667,3 M (al 29.04.2022)

ISIN

LU1183791281 (I Acc.)

Data di lancio

12/10/2015

Benchmark

100% MSCI EUROPE (NR)

Valuta

Euro

Domicilio

Lussemburgo

Management
Company ed Investment Manager

Sycomore AM.

Comm. di gestione

1,00%

Comm. di performance

15% > Benchmark

A livello finanziario, lo scoppio della guerra Russo-Ucraina è servito a rafforzare la consapevolezza dei Paesi europei della necessità di liberarsi della dipendenza da gas russo. Ciò richiederà un'inevitabile accelerazione degli investimenti per sviluppare energie rinnovabili e migliorare l'efficienza energetica dell'Europa.

Lo scoppio della guerra in Ucraina si è rivelato particolarmente sfidante per i fondi ESG che, tra le altre cose, si sono trovati ad affrontare una ripresa dei titoli delle energie tradizionali e della difesa, negli ultimi anni fortemente esclusi dai portafogli. Pensa che la sostenibilità stia attraversando una fase di cambiamento? Se sì, come?

Il significativo aumento del prezzo del petrolio in seguito all'invasione russa dell'Ucraina non ha certo contribuito direttamente alla performance del nostro fondo, che non è esposto ai settori del petrolio e del gas né a quello della difesa, non essendo segmenti che contribuiscono alla transizione energetica, elemento chiave che cerchiamo nel nostro portafoglio. Inoltre, questi settori sono esclusi in quanto il loro business risulta incompatibile con i nostri criteri di selezione ESG . Tuttavia ci sono diversi fattori strutturali in atto, come il sentiment dell'opinione pubblica e il sostegno dei governi a favore della transizione, l'evoluzione delle tecnologie verdi e un know-how sempre maggiore, che potranno trovare sempre più spazio all'interno delle singole economie.

La guerra ha inoltre accresciuto la consapevolezza circa la necessità dei Paesi europei di liberarsi dalla dipendenza dal gas russo. Questo richiederà un'inevitabile accelerazione degli investimenti in energie rinnovabili ed efficienza energetica, temi su cui investiamo già fortemente. Inoltre, in caso di rallentamento economico, ci aspettiamo che le aziende "green" superino i loro peers. Di conseguenza, rimaniamo positivi su questo tema nel breve e nel lungo termine e pensiamo che il posizionamento del fondo esca ancora più forte dal contesto attuale.

In termini di stock picking, avete in portafoglio società russe e ucraine e - se sì - come gestite questi investimenti?

Non abbiamo e non abbiamo mai avuto in portafoglio società russe o ucraine, non essendo questi paesi tra i più avanzati sul fronte della transizione ecologica. Ciononostante, siamo cauti nei confronti delle società esposte a quest'area geografica. Per esempio monitoriamo da vicino società come Alstom, che ha partecipazioni in TMH Group, leader russo del materiale rotabile, pur avendo aumentato la nostra posizione poiché il calo registrato dal titolo da inizio anno ci sembra eccessivo. O ancora Rockwool, che possiede quattro fabbriche in Russia. Soprattutto, siamo attenti alle conseguenze indirette del conflitto, con l'aumento dei prezzi di alcune materie prime e dell'energia che ci hanno portato a ridurre le posizioni in società che hanno un basso pricing power per trasferire questi aumenti di costo.

Più in generale, la guerra sta dimostrando l'importanza decisiva dei processi di engagement nei portafogli: qual è la vostra politica in questo senso?

L'engagement è un pilastro fondamentale della nostra strategia di investimento, che mettiamo in campo quotidianamente quando incontriamo le aziende in cui investiamo; ci impegniamo in un dialogo approfondito e ci sforziamo di misurare l'impatto delle azioni derivanti dalle aree di miglioramento definite insieme. Nel 2020, per esempio, abbiamo realizzato 25 azioni di engagement con 8 società in portafoglio e abbiamo contribuito attivamente alle discussioni di mercato. Siamo inltre parte di molte iniziative come Climate Action 100+, Institutional Investors Group on Climate Change, Farm Animal Investment Risk & Return, PRI Montreal Pledge, Carbon Disclosure Project, Nec Initiative...

Quale metodologia adottate per la selezione dei titoli “verdi”?

Quando abbiamo lanciato il fondo, più di sei anni fa, abbiamo capito che questa transizione era ancora agli inizi così, per valutarla correttamente, abbiamo co-fondato una metodologia proprietaria. I KPI ambientali esistevano già allora, ma a nostro avviso non erano del tutto soddisfacenti. Il cambiamento climatico è importante, ma quando si parla di questioni ambientali bisogna tenere conto anche della qualità dell'aria, delle risorse naturali, dell'acqua e della biodiversità, profili che non sono contemplati nella misurazione delle emissioni di carbonio. Con la metrica NEC (Net Environmental Contribution) possiamo integrare tutti questi aspetti in un'unica metodologia e monitorare il miglioramento delle aziende in termini di impatto ambientale nel tempo.

Dall'inizio dell'anno, il fondo Sycomore Europe Eco Solutions sta leggermente sottoperformando l'indice MSCI Europe, ma il track record del fondo mostra una forte sovraperformance. Come investite in modo sostenibile nel medio-lungo termine: quali settori privilegiate?

Nelle prime settimane del 2022, quando la rotazione settoriale era particolarmente favorevole ai settori oil & gas e bancario-assicurativo, in cui siamo nettamente underweight, il fondo ha effettivamente sottoperformato l'indice MSCI Europe. Ma il forte rimbalzo di diversi titoli verdi attivi nelle energie rinnovabili o di società legate all'efficienza energetica ci ha permesso di recuperare il ritardo e di ottenere una performance in linea con l'indice.

Facendo affidamento sulla nostra metodologia NEC, siamo in grado di evitare i bias settoriali e di ottenere un portafoglio diversificato. L'obiettivo è offrire una performance meno volatile rispetto ad altri fondi green altamente concentrati su un unico sotto-tema ambientale, riuscendo a sovraperformare gli indici generalisti nel lungo termine. Tendiamo a favorire i temi ambientali come le energie rinnovabili, l'efficienza energetica, la mobilità sostenibile per esempio nel settore ferroviario o altre modalità di trasporto verde come l'industria ciclistica e i veicoli elettrici, nonché i produttori di componenti che possono contribuire ad alleggerire i veicoli. Ci concentriamo anche sull'edilizia sostenibile scegliendo aziende che migliorano l'isolamento degli edifici o che affrontano il tema delle risorse naturali (come soluzioni migliori per gli imballaggi di carta).

Potrebbe indicare alcuni esempi di aziende in cui avete investito?

Nell'industria del ciclismo, ad esempio, abbiamo investito in diversi attori: Shimano, leader giapponese nella componentistica per biciclette, Accell Group, leader europeo nell'e-bike che sviluppa anche cargo bike che stanno registrando un boom in Germania e Danimarca. Accell Group è stato oggetto di un'offerta pubblica di acquisto da parte di KKR all'inizio dell'anno con un premio interessante. Abbiamo anche investito in Bike24, una società tedesca quotata nel 2021 e leader nella distribuzione online di componenti e accessori per biciclette. Ci piacciono anche le società coinvolte nell'economia circolare, che potrebbero beneficiare dell'aumento dei prezzi delle materie prime, per esempio Veolia, Biffa e Renewi. Inoltre, apprezziamo anche Aurubis, che ha recentemente realizzato un'importante operazione acquisendo Metallo, con una forte esposizione al rame, un prodotto fondamentale nell'elettrificazione.

Investiamo solo in aziende che hanno un NEC positivo, cioè che contribuiscono positivamente alla transizione ecologica ed energetica. Ci assicuriamo anche che le aziende investite nel fondo non abbiano un impatto negativo su altri stakeholder. A questo proposito, conduciamo un'analisi dettagliata attraverso il nostro modello di analisi fondamentale SPICE per assicurarci che la creazione di valore delle aziende investite nel portafoglio possa essere sostenibile e condivisa tra tutte le parti interessate (società civile, fornitori, persone, investitori, clienti, ambiente...). Infine, investiamo nelle aziende con il più forte upside sul nostro target price.

Come affrontate il tema più ampio della transizione verde?

Sycomore Europe Eco Solutions mira a contribuire positivamente alla transizione ambientale, investendo in società che sono realmente parte della soluzione per affrontare le sfide del cambiamento climatico e la crisi ambientale. Ci concentriamo sul cambiamento climatico, ma anche su biodiversità, rifiuti, acqua, qualità dell'aria e risorse naturali, affrontando l'intero ecosistema ambientale. Analisi recenti indicano che una traiettoria di 1,5 gradi centigradi e la neutralità del carbonio richiederebbero investimenti pari al 4-5% del PIL nazionale. Il nostro portafoglio è attualmente allineato proprio a questa traiettoria di 1,5 gradi. Enormi investimenti sono diretti, e lo saranno anche in futuro, verso questa transizione e verso le aziende che offrono soluzioni per un pianeta più sostenibile.

Nella selezione dei titoli utilizzate anche software specifici o strumenti basati su intelligenze artificiali?

Non utilizziamo strumenti basati sull'intelligenza artificiale. Conduciamo tutte le nostre analisi in-house, sia su questioni finanziarie che extra-finanziarie, grazie a un team di professionisti dalla forte consapevolezza ESG. Tuttavia, utilizziamo strumenti che consentono un accesso più rapido alle informazioni rilevanti sui titoli del nostro universo d'investimento e di effettuare screening per generare nuove idee d'investimento.

Pensa che in termini di tassonomia sia necessario trovare degli standard validi per tutti, magari andando oltre l'esclusione dei titoli meno sostenibili?

E’ senz’altro molto utile definire un linguaggio comune e delle definizioni standardizzate per evitare il greenwashing. In questo senso crediamo che la tassonomia europea assumerà un ruolo fondamentale. Il quadro deve ancora essere messo a punto e completato per integrare tutti i 6 obiettivi ambientali, dato che oggi solo 2 di questi obiettivi sono stati dettagliati. Questo regolamento dovrebbe facilitare i flussi verso le soluzioni verdi e più specificamente verso le aziende che rispondono alle sfide della transizione ecologica ed energetica.
 
 

Il modello di business di Generali Investments si basa su una piattaforma che comprende società di gestione specializzate in diverse classi d’attivo, tra cui: Generali Investments Partners S.p.A. Società di gestione del risparmio, Generali Insurance Asset Management S.p.A. Società di gestione del risparmio, Generali Global Infrastructure, Generali Real Estate S.p.A., Lumyna Investments Ltd, Aperture Investors LLC, Sycomore Asset Management, Plenisfer Investments. In particolare, Generali Investments Partners S.p.A. Società di gestione del risparmio coordina le attività di marketing della piattaforma mentre Generali Investments Investments Holding detiene partecipazione almeno di maggioranza in ciascuna delle società che la compone.

PRIMA DELL’ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO E IL KIID. Le opinioni e le stime qui contenute si basano sul nostro giudizio e possono cambiare senza preavviso, così come le asserzioni sulle tendenze del mercato finanziario che si basano sulle attuali condizioni di mercato. Per quanto a nostra conoscenza, le informazioni qui contenute sono attendibili ma non devono essere considerate esaustive. I dati, i grafici e gli estratti sono stati calcolati o realizzati utilizzando informazioni pubbliche che riteniamo attendibili ma non sono state da noi verificate in modo indipendente.  Si prega di notare che tutte le stime hanno i propri limiti e che di conseguenza non vi è alcun impegno da parte di SYCOMORE ASSET MANAGEMENT che queste stime si concretizzino. Questo documento non è un'offerta o una sollecitazione all'acquisto o alla vendita di alcuno strumento finanziario. I riferimenti a titoli specifici o alle loro società emittenti sono meramente illustrativi e non devono essere interpretati come raccomandazioni per l'acquisto o la vendita di tali titoli. La performance passata non è un indicatore affidabile dei rendimenti futuri e il comparto presenta un rischio di perdita di capitale. Le opinioni e le strategie descritte potrebbero non essere adatte a tutti gli investitori. I rendimenti e le valutazioni per gli investimenti in qualsiasi fondo che potrebbe essere menzionato possono aumentare o diminuire e gli investitori possono ricevere al rimborso più o meno della somma inizialmente investita. Questo documento è fornito a scopo informativo. Ti consigliamo di chiedere consiglio prima di prendere qualsiasi decisione di investimento. Prima di adottare qualsiasi decisione di investimento,  il cliente deve leggere attentamente il modulo di sottoscrizione e la documentazione   di offerta (inclusi il KIID,   il Prospetto, il Regolamento   o lo Statuto del fondo), che devono essere consegnati prima della sottoscrizione dell'investimento. La documentazione di offerta è disponibile in qualsiasi momento, gratuitamente e nelle lingue pertinenti sul nostro sito w eb (w ww.sycomore-am.com) e presso i distributori. Si prega di notare che la Società di Gestione può decidere di porre fine agli accordi presi per la commercializzazione del comparto ai sensi dell'Articolo 93 bis della Direttiva 2009/65/CE e dell'Articolo 32 bis della Direttiva 2011/61/UE. Per una sintesi dei diritti degli investitori e delle linee guida per le azioni individuali o collettive, vi invitiamo   a consultare sul nostro sito web (www.sycomore-am.com) il prospetto del fondo e il suo documento di inf ormazioni chiave per gli investitori, nonché la politica di gestione dei reclami di Sycomore AM (https://www .sycomore-am.com/5d91bd33-P07_bis_Politique_de_traitement_des_reclamations_et_des_plaintes.pdf ). Sycomore   AM può decidere di cessare la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità all'articolo 93a della direttiva 2009/65/CE e all'articolo 32a della direttiva 2011/61/UE. Si tratta di pubblicità che non è stata redatta in linea con le disposizioni normative a favore della promozione di analisi finanziarie indipendenti. SYCOMORE ASSET MANAGEMENT non è stata vincolata dal divieto di negoziazione degli strumenti interessati prima della diffusione del presente avviso.

Picture

© Generali Investments, tutti i diritti riservati. Questo sito web è fornito da Generali Investments ed è considerato come una comunicazione di marketing e una promozione finanziaria riferita ai prodotti e servizi delle società elencate di seguito, appartenenti al Gruppo Generali: Generali Investments Partners S.p.A. Società di gestione del risparmio, Generali Insurance Asset Management S.p.A. Società di gestione del risparmio, Generali Investments Luxembourg S.A. e Generali Investments Holding S.p.A. (nel prosieguo, congiuntamente indicate come Generali Investments). Inoltre, il sito può contenere comunicazioni di marketing e promozioni finanziarie di prodotti e servizi di società appartenenti alla piattaforma coordinata da Generali Investments Partners S.p.A. Società di gestione del risparmio, nello specifico di Generali Global Infrastructure, Sycomore Asset Management, Aperture Investors LLC., Plenisfer Investments SGR, Lumyna Investments e Generali Real Estate S.p.A. Società di Gestione del Risparmio